Chat with us, powered by LiveChat

Grosperrin Héritage N°64

Cognac - Borderies - XO - Grosperrin
291,64 $
Bottiglia da 0,70 l con custodia
In magazzino
Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Pagamento sicuro al 100%
Pagamento sicuro al 100%
Conservato in cantina climatizzata
Conservato in cantina climatizzata
Caratteristiche
Grosperrin

Grosperrin

Il Cognac Grosperrin è un nome che risuona di eccellenza e tradizione nel mondo del Cognac. Questa azienda a conduzione familiare, fondata da Jean Grosperrin, è rinomata per il suo impegno nell'artigianato e per l'eccezionale qualità dei suoi Cognac. Con una storia che risale a oltre due secoli fa, il Cognac Grosperrin è il frutto di una passione tramandata di generazione in generazione.

La storia della famiglia Grosperrin inizia all'inizio del XIX secolo, quando Jean Grosperrin, un commerciante di vini, iniziò a produrre e commerciare Cognac. Da allora, la famiglia ha sviluppato un'esperienza unica nella selezione di Cognac eccezionali dai migliori domini della regione.

Ciò che distingue il Cognac Grosperrin è la sua risoluta attenzione alla qualità e all'autenticità. A differenza delle grandi case di Cognac che producono miscele, Grosperrin si concentra sull'acquisto e sulla maturazione di Cognac provenienti da piccole distillerie artigianali. Questi Cognac sono invecchiati in botti di rovere nelle cantine tradizionali della regione di Cognac, dove il clima mite e oceanico gioca un ruolo essenziale nel processo di maturazione.

Il terroir della regione di Cognac è un elemento chiave nella qualità dei Cognac Grosperrin. I vigneti si trovano su terreni calcarei, che conferiscono alle uve una ricchezza minerale unica. Inoltre, il clima mite, mitigato dall'influenza dell'Oceano Atlantico, favorisce una maturazione lenta e costante delle uve, consentendo lo sviluppo... Vedi altro...

Descrizione Grosperrin Héritage N°64

Questo Très vieux Cognac proviene da un'indivisione istituita alla morte del viticoltore, avvenuta diversi anni fa.

La vedova e i figli gestiscono l'eredità con cura e pazienza, in memoria di quest'uomo.

Uno dei nipoti ha rilevato la proprietà, che da allora è diventata un'importante operazione delle Borderies.

Le scorte del nonno, tuttavia, sono gestite separatamente e ospitate in uno chai separato nel centro del villaggio di Burie, situato nel cuore delle Borderies.

Da quando è stato acquistato, è invecchiato nello chai di Grosperrin a Saintes, sulle rive della Charente.

Una leggerissima riduzione è stata fatta più di cinque anni fa.

Vecchio calice dorato, riflessi ambrati.

Al primo naso si esprime chiaramente il lato floreale delle Borderies, con le sue note di caramelle alla violetta, fiori secchi, rose speziate.

Al secondo naso è più profondo, più denso, e si distingue un elegante rancio, poco legnoso, causato dall'ossidazione dei grassi contenuti nell'alcol, che il tempo ha reso nobile.

Le spezie sono più franche, scatola di sigari, liquirizia, più "mature".

Al palato, l'attacco è franco, minerale, si è subito catturati dalla qualità.

Lo sviluppo è al tempo stesso potente e contenuto, la trama si rivela oleosa.

Il lungo finale si unisce agli aromi percepiti al naso.

Tanta eleganza, un bel Borderies.

Caricamento ...