Chat with us, powered by LiveChat
Bordeaux desk
Bordeaux 2 - resp

Bordeaux

Bordeaux è un nome che evoca il vino in tutto il mondo. Un vigneto rinomato per le sue grandi Châteaux e annate, alcune delle quali sono diventate famose in tutto il mondo. Anche se non abbiamo ancora avuto la possibilità di assaggiarli tutti, alcuni nomi ci sono diventati familiari.

Vedi altro ...
Prezzo
Marca
Appellation
Vintage
Colore
Classifica
Terroir
Imballaggio
Format et conditionnement
Compresse
Macallan M Decanter Black 2022 release

Macallan M Decanter Black 2022 release

Louis XV Brut Millésime 2012

Louis XV Brut Millésime 2012

Un'annata 2022 "notevole, grandiosa, senza precedenti".

Rémy Martin 1738 Accord Royal

Rémy Martin 1738 Accord Royal

Scoprite i vigneti di Bordeaux e i Grands Crus Classés

Bordeaux è un nome che evoca il vino in tutto il mondo. Un vigneto rinomato per le sue grandi Châteaux e annate, alcune delle quali sono diventate famose in tutto il mondo. Anche se non abbiamo ancora avuto la possibilità di assaggiarli tutti, alcuni nomi ci sono diventati familiari.

Prodotti in prestigiose Appellations d'Origine Contrôlées, come Margaux, Pauillac, Sauternes, Pomerol, Pessac-Léognan o Saint-Emilion, i grandi vini di Bordeaux offrono una ricchezza formidabile e una personalità propria, sia che si tratti di vini rossi, bianchi o dolci.

Chi non ha mai sentito parlare della famosa classificazione del 1855, che elenca alcuni dei vini più emblematici del mondo enologico, della città di Saint-Emilion, i cui vigneti sono i primi ad essere stati classificati come patrimonio mondiale dell'UNESCO, o della regione delle Graves?

Entrate nel set Sec dei più grandi vini del Bordeaux, la cui esistenza secolare ha contribuito a plasmare la loro immagine sulla scena enologica internazionale.

Come disse Paul Valéry: "Un degustatore di Bordeaux che dice di un vino che fa la coda di pavone in bocca è pari a più di un poeta".

Bordeaux è il più grande vigneto di Appellation d'Origine Contrôlée del mondo, sinonimo di annate eccezionali e di vini noti a tutti gli appassionati. È soprattutto un vigneto con una lunga storia, che raggiunge una superficie di quasi 120.000 ettari di vigneto per una produzione media annua di 5 milioni di ettolitri. Si contano 60 denominazioni d'origine controllata, alcune delle quali sono tra le più prestigiose del mondo del vino, compresi i famosi Grands Crus Classés. Queste prestigiose denominazioni sono raggruppate in due aree geografiche principali:

- La Rive gauche della Garonna con la città di Bordeaux, che comprende la regione del Médoc a nord, la regione delle Graves al centro e la regione del Sauternais a sud. Il Médoc ha cinque denominazioni che comprendono i Grands Crus Classés della famosa classificazione del 1855: Haut-Médoc, Margaux, Saint-Julien, Pauillac e Saint-Estèphe. Si tratta esclusivamente di vini rossi e ne esistono 61, suddivisi in cinque categorie.

A sud, le denominazioni Sauternes e Barsac raggruppano altri 21 Grands Crus della stessa classificazione, esclusivamente vini bianchi dolci suddivisi gerarchicamente in tre categorie.

Per quanto riguarda la regione delle Graves, troviamo la denominazione Pessac-Léognan che comprende 14 Grands Crus Classés della classificazione delle Graves del 1953. Si tratta per lo più di vini rossi e di vini bianchi Sec.

- La Rive droite della Dordogna con i vigneti di Saint-Emilion e Pomerol situati vicino alla città di Libourne. La denominazione Saint-Emilion Grand Cru ha una propria classificazione, iniziata nel 1955 e suddivisa in tre categorie. Viene rivista ogni dieci anni e l'ultima edizione risale al settembre 2022, raggruppando un totale di 85 Grands Crus Classés, tutti vini rossi. La denominazione Pomerol non ha una classificazione ufficiale, ma i suoi vini non sono meno famosi.

Che siano rossi, bianchi o dolci, i grandi vini di Bordeaux offrono una formidabile diversità, essendo complessi, raffinati e dotati di una personalità propria. Scoprite la nostra selezione di Grands Crus Classés di Bordeaux.

Come è nata la reputazione dei vini dello Bordeaux?

Il vigneto di Bordeaux nacque all'inizio del I secolo con l'arrivo delle legioni romane. Gradualmente, i vini acquistarono fama, al punto che il poeta Ausone, nativo di Bordeaux, li citò nei suoi scritti nel IV secolo.

Grazie al matrimonio di Eleonora d'Aquitania con il futuro re d'Inghilterra, Enrico II, nel XII secolo, i vini di Bordeaux conobbero finalmente un vero sviluppo attraverso il commercio con le isole britanniche. Questi scambi erano ovviamente resi possibili dalla presenza del fiume Garonna, che permetteva alle navi mercantili di viaggiare tra il porto di Bordeaux e l'Oceano Atlantico.

Solo nel XVII secolo vennero costruiti i primi "Châteaux", soprattutto da parte di inglesi, irlandesi e olandesi, che si interessarono ai vigneti di Bordeaux acquistando terreni da coltivare a vite.

La commercializzazione del vino in bottiglie di vetro iniziò solo nel XVIII secolo con le prime esportazioni. In questo periodo, inoltre, la società londinese sviluppò una vera e propria passione per i grandi vini del Bordeaux. Di conseguenza, la viticoltura si sviluppò soprattutto nel Médoc e la famosa "Place de Bordeaux" giocò un ruolo fondamentale. Essa è composta (come lo è ancora oggi) dai négociants da un lato, attori chiave nella distribuzione dei vini in tutto il mondo, e dai broker dall'altro, indispensabili intermediari tra i Châteaux e le case commerciali. Insieme alle nuove tecniche di vinificazione e di conservazione dei vini che si stanno progressivamente affermando, tutti questi elementi contribuiscono a far sì che i vigneti dello Bordeaux si diffondano in tutto il mondo.

Ma è nel XIX secolo che lo Bordeaux raggiunge un vero e proprio apice, in particolare grazie all'istituzione della classificazione del 1855 voluta dallo Napoléon III per l'Esposizione Universale di Parigi. Questa classificazione individua una gerarchia tra i Grands Crus Classés della Rive gauche della Garonna, con i vini rossi tutti situati nel Médoc tranne lo Château Haut-Brion situato nelle Graves, e i vini bianchi dolci situati nei vigneti di Sauternes e Barsac.

E sebbene la crisi della fillossera alla fine del XIX secolo abbia colpito profondamente l'intero vigneto europeo, così come l'inizio del XX secolo fino alla fine della Sec Seconda Guerra Mondiale, il vigneto di Bordeaux si è ripreso a partire dagli anni Cinquanta. Le classificazioni dei vini di Graves e Saint-Emilion faranno così la loro comparsa, rispettivamente nel 1953 e nel 1955, contribuendo maggiormente all'influenza dei grandi vini di Bordeaux.

La creazione della settimana dei Primeurs dello Bordeaux fu ufficializzata nel 1982, quando il barone Philippe de Rothschild ebbe l'idea di far degustare in aprile i suoi vini dell'annata ancora in via di maturazione. L'idea ha sedotto altri proprietari di Grands Crus della regione, poi la critica e i media si sono interessati all'argomento. Oggi la settimana dei Primeurs, che si tiene ogni anno in aprile, è un evento chiave nel mondo del vino. Le cosiddette vendite en primeur sono organizzate dai commercianti di vino tra maggio e giugno, quando i Châteaux hanno fissato i loro prezzi di vendita.

Oggi il vigneto Bordeaux è come un sole che continua a splendere sul pianeta vino, reinventandosi continuamente e dandosi i mezzi per realizzare le proprie ambizioni.

Quali sono le diverse classificazioni dei grandi vini di Bordeaux?

Tre classificazioni di vini sono state istituite al Bordeaux per elencare i più grandi vini, i famosi Grands Crus Classés.

La più emblematica è senza dubbio la classificazione del 1855, che comprende 61 vini rossi per il Médoc e le Graves, e 21 vini dolci per la regione di Sauternes e Barsac:

I Grands Crus Classés in rosso si trovano tutti nel Médoc, ad eccezione dello Château Haut-Brion che si trova nelle Graves. Sono suddivisi in cinque categorie: 5 Premiers Crus, 14 Seconds Crus, 14 Troisièmes Crus, 10 Quatrièmes Crus e 18 Cinquièmes Crus. Si tratta di una suddivisione fissa, che ha subito un'unica modifica, quando lo Château Mouton Rothschild è stato cambiato nel 1973 da Second a Premier Grand Cru Classé.

I Grands Crus Classés di Sauternes e Barsac si dividono in 1 Premier Cru Supérieur, il famoso Château d'Yquem, 11 Premiers Crus e 14 Seconds Crus.

Nel 1953 è stata istituita la classificazione dei vini delle Graves, rivista nel 1959. Sebbene all'epoca la DOC Pessac-Léognan non esistesse ancora (è stata creata ufficialmente solo nel 1987), tutti i cru interessati si trovano nella sua zona di produzione. Ne esistono 14, alcuni dei quali sono classificati solo come rosso, come lo Château Haut-Bailly, e altri come rosso e bianco, come lo Domaine de Chevalier.

La terza e non meno prestigiosa classificazione è quella di Saint-Emilion, rivista ogni 10 anni e pubblicata nel 1955. È suddivisa in tre categorie: Premiers Grands Crus Classés A, Premiers Grands Crus Classés e Grands Crus Classés. L'ultima edizione (promulgata l'8 settembre 2022) consacra 85 proprietà dell'omonima annata:

  • 2 Premiers Grands Crus Classés "A": Château Pavie (promosso dal 2012) e Château Figeac (promosso dal 2022)
  • 12 Premiers Grands Crus Classés, tra cui ad esempio Château Canon e Château Larcis Ducasse
  • 71 Grands Crus Classés, tra cui Château La Dominique e Château Fombrauge

Va notato che la categoria Premier Grand Cru Classé ha sostituito la categoria Premier Grand Cru Classé "B" che era stata precedentemente apposta sulle bottiglie nella penultima edizione del 2012.

L'ultima revisione per l'edizione 2022 della classifica è stata segnata da diversi colpi di scena. Ha destato scalpore l'uscita prematura dalla classifica, nel gennaio 2022, di Château Ausone e Château Cheval Blanc, che storicamente avevano guidato la classifica come Premier Grand Cru Classé A fin dalla sua nascita. Sono stati seguiti dallo Château Angelus (promosso a First Grand Cru Classé 'A' nel 2012) e dallo Château La Gaffelière (First Grand Cru Classé dal 1955). Questo è stato un colpo all'immagine della classifica, ma non le ha impedito di essere promossa alla sua settima edizione.

Quali sono i vini più emblematici dello Bordeaux?

Da Rive gauche o Rive droite, i grandi vini di Bordeaux hanno tra le loro fila icone leggendarie. Questi vini sono noti a tutti gli amanti del vino e fanno scatenare la loro fantasia degustativa.

Tra i vini del Médoc, lo Château Margaux è il fiore all'occhiello, insieme ai suoi quattro colleghi che condividono il titolo di Premier Grand Cru Classé nel 1855: Château Latour, Château Haut-Brion, Château Lafite Rothschild e Château Mouton Rothschild. Tra loro, incarnano il culmine dei grandi vini costruiti per trascendere il tempo.

Come non citare lo Château di Yquem, l'unico Château dello Bordeaux a essere stato insignito del titolo di Premier Cru Supérieur, la cui reputazione di finezza, complessità aromatica ed eleganza è stata dimostrata.

Lo Château Cheval Blanc e lo Château Ausone sono sempre stati i due nomi emblematici dello Rive droite per il vigneto di Saint-Emilion, essendo concentrati e di una raffinatezza senza pari. Anche gli Châteaux Angélus, Château Pavie e Château Figeac incarnano l'élite della loro denominazione, tutti gioiosi da conservare.

Nella vicina denominazione Pomerol, lo Petrus è il mito tra i miti. La più famosa delle annate Bordeaux, fatta su misura, senza esuberanza, con uno stile profondo e seducente.

Scoprite la nostra selezione di annate Bordeaux Prestige.

Caricamento ...