Chat with us, powered by LiveChat

Château Le Coteau 2022

Bordeaux - Margaux - Château Le Coteau
19,76 $

Format et conditionnement

Non disponibile
Avvisami quando disponibile

Consegna gratuita da 300€ in Europa e da 1000 €/$ in USA

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Pagamento sicuro al 100%
Pagamento sicuro al 100%
Conservato in cantina climatizzata
Conservato in cantina climatizzata
Caratteristiche
Varietà d'uva
Cabernet Sauvignon 60%
Merlot 25%
Cabernet Franc 15%
Château Le Coteau

Château Le Coteau

Vigneto con una superficie di 12 ettari: è un terroir eccezionale, quello dei più grandi vini del Médoc. È composto da ghiaie della Garonna lasciate dall'antico fiume Garonna nel periodo quaternario durante la glaciazione di Günz. Queste ghiaie sono composte da ciottoli, ciottoli e ghiaie provenienti dal Massiccio Centrale e dai Pirenei.

Si tratta di terreni caldi molto poveri e molto filtranti che si adattano perfettamente alla coltivazione della vite e a una grande maturità dell'uva. Questo terroir non sarebbe nulla senza l'influenza climatica del vicino fiume che addolcisce le temperature.

Il vitigno è composto per il 65% da Cabernet Sauvignon, per il 25% da Merlot, per l'8% da Cabernet Franc, per il 2% da Petit Verdot.

Pratiche colturali: le viti sono coltivate nel massimo rispetto dell'ambiente. Non vengono utilizzati né diserbanti né inSetticidi, rendendo il vigneto un ecosistema ricco di biodiversità. Vendemmia manuale

Note di critica professionale Château Le Coteau 2022.

James Suckling
92/100
Wine Cellar Insider - J. Leve
92/100
Markus Del Monego
92/100
Jeb Dunnuck
93/100

Descrizione Château Le Coteau 2022

Le condizioni climatiche estreme possono produrre grandi annate; il 2022 è certamente una di queste. Un sole cocente che ha accompagnato Château per tutta l'estate fino alla vendemmia, mettendo a dura prova i nervi.

Le decisioni per aiutare la vite a resistere a questa ondata di calore sono state facili da prendere: non fare nulla, non toccare il terreno, non toccare le foglie e i grappoli, lasciare che la pianta entri in resistenza. E il risultato va ben oltre le aspettative.

Mai un'uva è stata così concentrata, così ricca ma anche, sorpresa divina, con una bella acidità che bilancia la ricchezza zuccherina.

In cantina, le vinificazioni sono state guidate dalla morbidezza e dalla delicatezza, dall'infusione piuttosto che dall'estrazione.

Oggi, i vini spillati si mostrano brillanti, di una ricchezza incredibile. E non si può fare a meno di pensare a un'altra annata di fuoco, il mitico 1949!

Caricamento ...