Chat with us, powered by LiveChat
FiD's+5%

Château la Mission Haut-Brion 2010

Bordeaux - Pessac-Léognan - Cru Classé de Graves - Château La Mission Haut-Brion

Grand Cru Classé de Graves nel 1959

756,11 $
Una cassa di 1 Bottiglie (0,75L)
In magazzino

Consegna gratuita da 300€ in Europa e da 1000 €/$ in USA

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Pagamento sicuro al 100%
Pagamento sicuro al 100%
Conservato in cantina climatizzata
Conservato in cantina climatizzata
Caratteristiche
Varietà d'uva
Cabernet Sauvignon 62%
Merlot 37%
Cabernet Franc 1%
Château La Mission Haut-Brion

Château La Mission Haut-Brion

Quale migliore annata per incarnare l'eccellenza della regione delle Graves se non Château La Mission Haut-Brion? Questa tenuta fu fondata nel XVI secolo dalla famiglia de Lestonnac e rilevata nel secolo successivo dalla Congregazione dei sacerdoti lazzaristi.

Situato di fronte al suo illustre vicino, Château Haut-Brion, a cavallo tra i comuni di Talence e Pessac, La Mission Haut-Brion, come quest'ultimo, appartiene ai Domaines Clarence Dillon e Prince Robert du Luxembourg dal 1983.grand Cru Classé in rosso nella classificazione dei vini delle Graves, Château La Mission Haut-Brion brilla nel mondo del vino e tra gli appassionati di tutto il mondo, grazie al suo formidabile terroir valorizzato dall'innovazione e dalla precisione tecnica dei team.

Château La Mission Haut-Brion regna su un vigneto di 29 ettari piantato su magnifiche terrazze di ghiaia, con sottosuoli di argilla, sabbia e calcare.

- Le varietà di uve rosse sono 50% Cabernet Sauvignon, 40% Merlot e 4% Cabernet Franc. Il Grand Vin viene affinato per 18 mesi in botti di rovere francese, di cui il 70-75% nuove. La Chapelle de La Mission Haut-Brion è il Secondo vino rosso.

 - I vitigni bianchi sono 80% Semillon e 20% Sauvignon blanc. Il grand vin blanc viene invecchiato per 12-15 mesi in botti di rovere francese, di cui il 50-55% nuove. Solo 4... Vedi altro...

Note di critica professionale Château la Mission Haut-Brion 2010.

Wine Advocate - Robert Parker
100/100
James Suckling
100/100
Wine Spectator
97/100
Jancis Robinson
18/20

Descrizione Château la Mission Haut-Brion 2010

Il 2010 è senza dubbio una grande annata per il vigneto di Bordeaux. È un'annata calda e secca che ha offerto alla vite le condizioni migliori per concentrare tutti gli elementi più qualitativi degli acini: una bella ricchezza di zuccheri, un accumulo di antociani e un grande potenziale aromatico. Le caratteristiche principali di questa annata sono: i mesi soleggiati di giugno e luglio, un agosto secco che ha innescato una buona maturazione delle uve, e l'alternanza di giornate calde e notti fresche in settembre che ci ha permesso di offrire una qualità eccezionale del raccolto.

Assemblaggio dell'annata 2010: 62% Cabernet Sauvignon, 37% Merlot, 1% Cabernet Franc.

Il colore è profondo e ammaliante, un rosso cupo con eleganti riflessi piastrati.

Al naso è intenso con note di ribes nero, amarena, cioccolato e liquirizia, impreziosite da un sentore floreale di rosa appassita.

Molto raffinato fin dall'ingresso in bocca, colpisce subito per il suo volume ed equilibrio, con un tocco setoso dovuto a tannini molto belli. Incredibilmente fresco, offre un oceano infinito di sapori fruttati e speziati fino a un finale lungo, preciso e persistente.

Abbinamento cibo-vino:

Château La Mission Haut-Brion 2010 si abbina perfettamente al manzo Angus con salsa di funghi porcini e finferli, al salmis de palombe, alla spalla d'agnello confit, al roast beef in crosta di foie gras o alla bistecca di cervo tartufata.

Per un accordo con i formaggi, privilegiare quelli a pasta pressata e non cotta: cantal, mimolette vecchia, morbier, saint-nectaire e tomme di Savoia.

Si abbina bene anche a diversi dessert al cioccolato: una torta Opera, un entremet croccante o un bavarois.

Potenziale di invecchiamento e degustazione:

Chateau La Mission Haut-Brion 2010 può attendere altri 10-15 anni in cantina, forse anche di più, e raggiungerà il suo apice tra il 2035 e il 2040.

Tuttavia, con una preparazione adeguata, può essere gustato anche adesso. A tal fine, la sera prima di aprirla, si consiglia di mettere la bottiglia a temperatura ambiente nella sala di servizio. Altrimenti, aprire e travasare la bottiglia almeno 6-7 ore prima della degustazione.

Le bottiglie saranno conservate in cantina, al riparo dalla luce, in posizione coricata, con un grado igrometrico ottimale del 70%.

Caricamento ...