Chat with us, powered by LiveChat

Château d'Yquem 2016

Bordeaux - Sauternes - 1er Cru Supérieur - Château d'Yquem

1° Grand Cru Classé Superiore nel 1855

408,98 $
Bottiglia da 0,75 l
In magazzino

Consegna gratuita da 300€ in Europa e da 1000 €/$ in USA

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Pagamento sicuro al 100%
Pagamento sicuro al 100%
Conservato in cantina climatizzata
Conservato in cantina climatizzata
Caratteristiche
Varietà d'uva
Sémillon 75%
Sauvignon Blanc 25%
Château d'Yquem

Château d'Yquem

Quale Domaine più famoso nel mondo per evocare i grandi vini dolci del vigneto Sauternes dello Château di Yquem?

Un nome associato a un mito la cui fama ha indubbiamente varcato le frontiere. Nel 1593 Jacques Sauvage ottenne i "diritti di proprietà" e qualche anno dopo iniziò la costruzione dello Château. Françoise-JosépHine de Sauvage d'Yquem sposò il conte Louis Amédée de Lur-Saluces nel 1785. Alla morte di quest'ultimo, la donna portò gradualmente lo Domaine in cima alla gerarchia dei grandi vini di Sauternes.

Durante la classificazione dei vini Bordeaux ufficializzata nel 1855 su richiesta di Napoléon III per l'Esposizione Universale di Parigi, lo Château di Yquem sarebbe stato l'unico Domaine a ottenere la distinzione di Premier Cru Supérieur.

Si volta pagina per lo Château d'Yquem quando nel 1999 viene acquisito dal gruppo LVMH. Pierre Lurton è presidente e amministratore delegato dal 2004. La Château d'Yquem ha da tempo adottato la filosofia di produrre un grande vino solo se la natura lo ha permesso, in altre parole se l'annata è stata all'altezza La Tâche quindi favorevole a dare un'uva botritizzata di qualità.

Lo Château di Yquem si trova sul... Vedi altro...

Note di critica professionale Château d'Yquem 2016.

Wine Advocate - Robert Parker
98/100
James Suckling
99/100
Wine Spectator
94/100
Jancis Robinson
18/20
Vinous - A. Galloni
97/100

Descrizione Château d'Yquem 2016

Il 2016 è stato uno splendido successo per i vigneti di Bordeaux e in particolare di Sauternes. Qualità e quantità sono state al rendez-vous. Il periodo estivo è stato caratterizzato dalla siccità e l'ondata di calore ha quasi compromesso la maturazione degli acini. Ma grazie alle piogge di settembre, la maturazione delle uve si è conclusa senza problemi. Il clima è rimasto caldo e asciutto e solo molto tardi si è sviluppata la botrite, rivelando finalmente il grande potenziale di questa annata.

Assemblaggio dell'annata 2016: 75% Sémillon, 25% Sauvignon blanc.

La veste è di un brillante colore giallo oro pallido molto pronunciato.

Al naso è impareggiabile per purezza e finezza, con note di frutta a polpa bianca, fiori d'arancio e agrumi, seguite da cera d'api, ananas e vaniglia.

L'ingresso in bocca è molto raffinato, rivelando un corpo di grande classe, grasso e sottile. Si evolve su una magnifica complessità aromatica, con frutta candita e cannella, sostenuta da un'acidità vivace. Molto puro e quasi commovente, si distende a lungo su un finale soave e persistente. Un grandissimo Château d'Yquem.

Abbinamento cibo-vino:

Lo Château d'Yquem 2016 merita un menu gastronomico dedicato per essere apprezzato al suo vero valore. Scegliete un foie gras d'oca come antipasto, un'anatra arrosto con pesche e spezie come piatto principale, formaggio Roquefort e un Pithiviers per dessert.

Potete anche scegliere un piatto di pesce, come capesante con crema di scalogno, ravioli con dadini di aragosta o rana pescatrice con salsa agrodolce.

Altri formaggi come il formaggio blu d'Alvernia o la fourme d'Ambert saranno adeguati.

Come dessert, si può gustare anche con una torta al limone o un budino di riso alla curcuma.

Potenziale di conservazione e degustazione:

Lo Château d'Yquem 2016 ha un eccellente potenziale di invecchiamento, poiché i grandi Sauternes possono invecchiare abilmente per decenni. Il suo apice sarà raggiunto tra il 2040 e il 2045, o anche oltre.

Tuttavia, la sua estrema finezza lo rende accessibile per essere degustato subito. A tal fine, la sera prima è bene riporre la bottiglia a temperatura ambiente nella sala di servizio. Aprirla almeno 3 o 4 ore prima della degustazione.

Le bottiglie saranno conservate in cantina al riparo dalla luce, coricate, a un grado igrometrico ottimale del 70%.

Caricamento ...