Chat with us, powered by LiveChat

Château Carbonnieux Blanc 2019

Bordeaux - Pessac-Léognan - Cru Classé de Graves - Château Carbonnieux

Grand Cru Classé de Graves

33,28 $

Format et conditionnement

In magazzino

Spedizione gratuita a partire da 1000€ IVA esclusa (USA e Europa) e ordine preparato entro 24 ore.

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Pagamento sicuro al 100%
Pagamento sicuro al 100%
Conservato in cantina climatizzata
Conservato in cantina climatizzata
Caratteristiche
Varietà d'uva
Sauvignon Blanc 65%
Semillon 35%
Château Carbonnieux

Château Carbonnieux

Non c'è bisogno di presentare lo splendido Château Carbonnieux, proprietà emblematica del vigneto di Bordeaux, dove le viti sono presenti fin dal XIII secolo. I primi proprietari furono i monaci benedettini dell'Abbazia di Sainte-Croix a Bordeaux, che già allora contribuirono a far conoscere i vini bianchi e rossi dello Château all'estero

Classificato come rosso e bianco nella classificazione delle Graves del 1953, appartiene alla famiglia Perrin dal 1956, di cui Eric e suo fratello Philibert Perrin rappresentano la quarta generazione. Con passione, contribuiscono a far risplendere Château Carbonnieux, il cui grande terroir è favorevole alla nascita di grandi vini rossi e bianchi. 

Lo Château Carbonnieux regna su un vigneto di 92 ettari piantato su ghiaia con sottosuoli argillosi e argilloso-calcarei.I vitigni a bacca rossa (50 ha) sono 60% Cabernet Sauvignon, 30% Merlot, 7% Cabernet Franc e 3% Petit Verdot. Il Grand Vin viene affinato per 15-18 mesi in botti di rovere francese, di cui il 30% nuove. La Croix de Carbonnieux è il Secondo vin rouge. 

- I vitigni a bacca bianca (42 ha) sono 65% Sauvignon blanc e 35% Sémillon. Il grand vin blanc viene invecchiato per 10-12 mesi in botti di rovere francese, di cui il 25% nuove. La Croix de Carbonnieux è il Secondo vin blanc. 

I vini di Château Carbonnieux sono rinomati per l'armonia, l'equilibrio e il potenziale di invecchiamento. I... Vedi altro...

Note di critica professionale Château Carbonnieux Blanc 2019.

Robert Parker
91/100
James Suckling
94/100
Wine Spectator
91/100
Vinous - A. Galloni
92/100

Descrizione Château Carbonnieux Blanc 2019

L'annata 2019 chiude un primo decennio in modo straordinario. Le viti hanno potuto beneficiare di condizioni climatiche adeguate, e in particolare di un'estate calda e secca fino all'inizio di agosto. In quel periodo, alcune piogge sono arrivate al momento giusto per innescare la maturazione degli acini sotto i migliori auspici. Un bel sole si è protratto fino alla fine della raccolta delle uve bianche, offrendo loro un eccellente potenziale aromatico.

Assemblaggio dell'annata 2019: 65% Sauvignon blanc, 35% Sémillon.

La veste è di un brillante colore giallo pallido, sfumato da discreti riflessi verdi.

Al naso offre freschezza ed equilibrio, con note di agrumi, acacia e frutti a polpa bianca, seguite da un accenno di burro e scorza d'arancia.

L'attacco è franco e lascia spazio a un palato medio molto piacevole, sostenuto da una tensione acida che gli conferisce freschezza ed equilibrio. Sviluppandosi con molta rotondità e grassezza, dura a lungo prima di sbocciare in un finale minerale e salivoso.

Abbinamento enogastronomico:

Lo Château Carbonnieux bianco 2019 si accompagna meravigliosamente a molti piatti di pesce: tartara di tonno o salmone, Poisson blanc au beurre blanc, aragosta alla griglia, rombo con salsa olandese o un piatto di pasta ai frutti di mare.
Può anche essere servito con piatti a base di carne bianca come la costoletta di vitello alla Normanna, le animelle con funghi porcini o il pollo "à l'ancienne".

Per un accordo con i formaggi, privilegiare quelli di capra e pecora: Selles-sur-cher, Pouligny-Saint-Pierre, Ossau-Iraty.

Come dessert, sarà molto apprezzato con una macedonia di frutta fresca, ananas al basilico o sorbetto agli agrumi.

Potenziale di conservazione e degustazione:

Lo Château Carbonnieux blanc 2019 è un grande vino bianco da invecchiamento, ideale da gustare tra gli 8 e i 10 anni di evoluzione. Il suo apice sarà tra il 2027 e il 2029.

Tuttavia, si presta meravigliosamente a essere degustato oggi. A tal fine, bisogna avere cura di aprire e servire il vino quando si trova a una temperatura di circa 10°c.

Le bottiglie saranno conservate in cantina al riparo dalla luce, coricate, a un grado igrometrico ottimale del 70%.

Caricamento ...