Chat with us, powered by LiveChat

Château Branaire-Ducru 2010

Bordeaux - Saint-Julien - 4ème Grand Cru Classé - Château Branaire-Ducru

4° Grand Cru Classé nel 1855

102,73 $
Bottiglia da 0,75 l
Non disponibile
Avvisami quando disponibile

Spedizione gratuita a partire da 1000€ IVA esclusa (USA e Europa) e ordine preparato entro 24 ore.

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Pagamento sicuro al 100%
Pagamento sicuro al 100%
Conservato in cantina climatizzata
Conservato in cantina climatizzata
Caratteristiche
Varietà d'uva
Cabernet Sauvignon 70%
Petit Verdot 4%
Merlot 23,5%
Cabernet Franc 2,5%
Château Branaire-Ducru

Château Branaire-Ducru

Lo Château Branaire-Ducru è uno dei domini più moderni di Saint-Julien, i cui vini particolarmente eleganti non invitano ad altro che al piacere. Il primo proprietario fu un notaio di Bordeaux, Jean-Baptiste Braneyre, che nel 1680 ne intuì pienamente il potenziale.

Lo Château come lo conosciamo oggi è stato costruito dai suoi discendenti, la famiglia Duluc. 

Nel 1855, lo Château Branaire fu nominato Quarto Grand Cru Classé nella famosa classificazione formalizzata per l'Esposizione Universale di Parigi. Il nome Branaire (Duluc-Ducru) fu infine adottato da Gustave Ducru nel 1857. Solo nel 1988 passò sotto l'egida della famiglia Maroteaux, segnando l'inizio di un'era di modernità con l'obiettivo di produrre grandi vini, ineccepibili per espressione e complessità. Oggi, François-Xavier Maroteaux è la seconda generazione a sostenere questa filosofia.

Lo Château Branaire-Ducru si trova su un magnifico terreno di ghiaia profonda su argilla, di fronte all'estuario della Gironda. Il vigneto di 60 ettari è composto per il 65% da Cabernet Sauvignon, per il 28% da Merlot, per il 4% da Petit Verdot e per il 3% da Cabernet Franc.

La tenuta produce anche un secondo vino, il Duluc de Branaire-Ducru.

I vini di Château Branaire-Ducru sono vini emozionali: carnosi, complessi e firmano una vera espressione del frutto.

Note di critica professionale Château Branaire-Ducru 2010.

James Suckling
94/100
Wine Spectator
94/100
Jancis Robinson
17/20
Jean-Marc Quarin
94/100

Descrizione Château Branaire-Ducru 2010

Il 2010 è un'annata dalle basi estremamente solide. Le condizioni climatiche sono state infatti straordinarie, con un germogliamento della vite molto omogeneo in aprile, un'estate calda e secca e un'alternanza di giornate di sole e notti fresche fino alla fine della vendemmia. Gli acini erano molto ricchi di aroma, colorati e con bucce spesse.

Uvaggio dell'annata 2010: 70% Cabernet Sauvignon, 23,5% Merlot, 2,5% Cabernet Franc, 4% Petit Verdot

Il colore è rosso intenso e profondo, quasi violaceo, con riflessi leggermente aranciati.

Il bouquet è molto fresco, espressivo e goloso, con note di frutti rossi come lampone e fragola matura, frutti di bosco e mentolo, supportate da un tocco di cacao e spezie esotiche.

Morbido all'attacco, si sviluppa con grande profondità e concentrazione, pur mantenendo un tocco delicato. Offre una bella esplosione di amarena e violetta e tannini morbidi ed eleganti che lo fanno sciogliere. Dura a lungo fino a un finale ricco e nobile, che nettare.

Abbinamento cibo-vino: Château Branaire-Ducru 2010 è un grande nettare della riva sinistra, che si abbina molto bene a un antipasto come una terrina di selvaggina con tartufi. Si apprezzerà poi con un piatto come l'entrecote à la bordelaise o il manzo en croûte, il filet mignon al porto o il tacchino ripieno.

Scegliere formaggi pressati non cotti come Edam, Morbier, Tomme de Savoie e Saint-Nectaire. Infine, sarà apprezzato con un dessert come la torta al cioccolato e arancia o il carrément chocolat di Pierre Hermé.

Potenziale di invecchiamento e degustazione: questo vino può attendere altri 10 anni in cantina per rivelare tutto il suo potenziale. Ma può essere facilmente gustato oggi, aprendolo possibilmente il giorno prima e mettendolo in camera a temperatura ambiente, oppure aprendolo e decantandolo 5 ore prima della degustazione.

Per un ulteriore invecchiamento, non esitate a procedere a degustazioni successive per misurare la sua evoluzione e il suo picco qualitativo.
Le bottiglie saranno conservate in cantina al riparo dalla luce, in posizione coricata, a un grado igrometrico ottimale del 70%.

Caricamento ...