Chat with us, powered by LiveChat
Biodinamica

Château Pontet-Canet 2014

Bordeaux - Pauillac - 5ème Grand Cru Classé - Château Pontet-Canet

5° Grand Cru Classé nel 1855

113,75 $
Bottiglia da 0,75 l
In magazzino

Spedizione gratuita a partire da 1000€ IVA esclusa (USA e Europa) e ordine preparato entro 24 ore.

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Pagamento sicuro al 100%
Pagamento sicuro al 100%
Conservato in cantina climatizzata
Conservato in cantina climatizzata
Caratteristiche
Varietà d'uva
Cabernet Sauvignon 65%
Merlot 30%
Cabernet Franc 4%
Petit Verdot 1%
Château Pontet-Canet

Château Pontet-Canet

Appoggiato sulle alture della denominazione Pauillac, Château Pontet-Canet è uno dei cru più essenziali del Médoc. Il suo fondatore, Jean-François de Pontet, scudiero del re e governatore del Médoc, lo acquistò nel 1725 e pochi anni dopo i suoi eredi comprarono i terreni vicini di Canet: nacque così Château Pontet-Canet

Il Domaine ottenne il titolo di Cinquième Grand Cru Classé nella classificazione dei vini del 1855 ufficializzata per l'Esposizione Universale di Parigi. Un decennio dopo, fu acquistato da Herman Cruse, un commerciante bordolese di origine danese, e fu sottoposto a una completa ristrutturazione.

Fino a quando Guy Tesseron, che già possedeva Château Lafon-Rochet a Saint-Estèphe, lo acquistò nel 1975, il Domaine cominciò a brillare di nuovo. Il figlio Alfred rivelerà il potenziale straordinario del suo terroir a partire dal 1994, convertendo il Domaine in particolare all'agricoltura biodinamica, grazie al sostegno del suo amministratore e uomo di fiducia Jean-Michel Comme.

Oggi è la figlia Justine Tesseron a continuare il suo lavoro, facendo brillare Pontet-Canet sulla scena enologica.

Oggi Château Pontet-Canet regna su un vigneto di 81 ettari, interamente gestito secondo i principi della biodinamica dalla vendemmia 2004. Questo fa del Domaine un precursore e un punto di riferimento nel mondo dei Grands Crus Classés di Bordeaux. È stato... Vedi altro...

Note di critica professionale Château Pontet-Canet 2014.

Robert Parker
95/100
Jancis Robinson
17/20

Descrizione Château Pontet-Canet 2014

Nonostante una primavera molto umida, ma dopo un'estate soleggiata molto favorevole alla véraison, questo quinto Grand Cru Classé di Pauillac ha dimostrato di essere una grande annata e continuerà a migliorare col tempo.
Il colore è viola intenso.
I primi attacchi al naso così come al palato offrono un vino cesellato come un gioiello di oreficeria. Gli aromi molto vari sono generosi. Il palato è rotondo con una notevole vellutatezza su tocchi golosi di frutti neri come la ciliegia burlat, ribes nero con un pizzico di liquirizia. Il finale è lungo e piacevole e termina con note di moka e legno di vaniglia. Un vino di grande precisione.
ADegustare a temperatura ambiente e decantare qualche ora prima per dargli il tempo di esprimersi
Assaggi successivi ci permetteranno di cogliere il suo picco qualitativo, ma è già un vino da bere con carni rosse come i tournedos rossini o con la selvaggina conporciniBordeaux o Dordogna o finferli aromatizzati con tartufi neri del Périgord o tartufi bianchi del Piemonte in Italia. Va bene anche per le crostate di frutta nera, o anche per le crostate di pere.cioccolatoe mandorlefresco.
Un vino da invecchiare in una cantina al riparo dalla luce, bottiglie posate con un grado igrometrico di circa il 70%. Picco stimato intorno al 2035.
Caricamento ...