Chat with us, powered by LiveChat

Maison Leroy Nuits Saint-Georges 2017

Bourgogne - Nuits-Saint-Georges - Domaine Leroy
1.144,38 $
Bottiglia da 0,75 l
In magazzino
Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Pagamento sicuro al 100%
Pagamento sicuro al 100%
Conservato in cantina climatizzata
Conservato in cantina climatizzata
Caratteristiche
Varietà d'uva
Pinot Noir 100%
Domaine Leroy

Domaine Leroy

La storia della Maison Leroy ha inizio nel 1968 quando François Leroy, viticoltore e proprietario di vigneti a Pommard, Meursault, Chambertin, Musigny, Clos de Vougeot e Richebourg, decide di creare una struttura con l'obiettivo di espandersi.

Nella seconda parte del XX secolo, gli sforzi del figlio furono premiati con varie medaglie e Grands Prix sia in Francia che in Belgio. Tuttavia, è solo con l'arrivo di Henri Leroy nel 1919, la terza generazione, che le cose cambiano davvero. Pochi anni dopo, nel 1942, la Maison Leroy divenne proprietaria della metà delle azioni del Domaine Romanée-Conti. Henry avrebbe dedicato il resto della sua vita alla tenuta, dando tutto se stesso per creare il gioiello che conosciamo oggi.

Lalou Bize-Leroy, figlia di Henri e grande dama del mondo del vino di Borgogna, si unì all'avventura nel 1955. Ha seguito rapidamente le orme del padre, diventando presidente e direttore generale della Maison Leroy e co-gestore del Domaine Romanée-Conti. Assaggiatrice e conoscitrice impareggiabile dei terroir della Borgogna, si impegna sempre per ottenere il meglio. Questa ricerca della perfezione l'ha portata nel 1988 ad acquistare diversi domini e a coltivarli in modo biodinamico, diventando così una pioniera del settore.

Con 21 ettari e 66 ettari, il Domaine Leroy vanta oggi 9 Grands Crus, 8 Premiers Crus, 9 Villages e alcuni Bourgognes generici. Con i suoi terroir di razza, ci offre ogni annata cuvée confidenziali di incredibile ricchezza.

Descrizione Maison Leroy Nuits Saint-Georges 2017

Ogni vino prodotto dalla Maison Leroy è un evento gustativo, e questo Nuits-Saint-Georges 2017 non fa eccezione. Questa denominazione, la più meridionale della Côte de Nuits, è nota per i suoi vini di grande ricchezza tannica e potenziale di invecchiamento. Sebbene non produca Grands Crus, la viticoltura biodinamica e le basse rese praticate da Lalou Bize-Leroy permettono di ottenere un Nuits-Saint-Georges eccezionalmente concentrato.

Dopo la siccità del 2015 e il gelo del 2016, il 2017 ha riportato il sorriso ai viticoltori borgognoni con rese abbastanza decenti. L'annata è trascorsa senza grandi difficoltà e le uve sono state raccolte in buona salute e nella maggior parte dei casi con buoni livelli di maturazione.

Dal bel colore rubino, questo meraviglioso vino presenta al naso un'intera panoplia di vivaci aromi fruttati: ciliegia, ribes nero, mora, ribes rosso.... Questi si mescolano a note di rose e viole essiccate, chiodi di garofano e altre spezie. Una nota terrosa e vegetale fa la sua comparsa in modo discreto, portando un pizzico di austerità a questo naso potente e complesso.

All'attacco, un'acidità vibrante risveglia le nostre papille gustative. Il palato è saporito e strutturato, fresco e succoso, ma anche carnoso. Una struttura tannica avvolgente si articola intorno a tannini fini e polverosi, un po' astringenti, che lasciano intendere un potenziale di lungo invecchiamento. Un finale lungo e sapido è accompagnato da leggere note terrose e affumicate. Un vino gastronomico che regalerà grandi emozioni a tavola (dopo un'energica decantazione di qualche ora) con petto d'anatra e ribes rosso, o sul piatto di formaggi con gli Epoisses.

Caricamento ...