Chat with us, powered by LiveChat

Château Haut-Brion 2006

Bordeaux - Pessac-Léognan - 1er Grand Cru Classé - Château Haut-Brion

1° Grand Cru Classé nel 1855

568,77 $
Bottiglia da 0,75 l
In magazzino

Spedizione gratuita a partire da 1000€ IVA esclusa (USA e Europa) e ordine preparato entro 24 ore.

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Imballaggio sicuro e assicurazione sul trasporto

Pagamento sicuro al 100%
Pagamento sicuro al 100%
Conservato in cantina climatizzata
Conservato in cantina climatizzata
Caratteristiche
Varietà d'uva
Cabernet Sauvignon 41%
Cabernet Franc 2%
Merlot 57
Château Haut-Brion

Château Haut-Brion

Lo Château Haut-Brion gode di una reputazione secolare, un modello di longevità ed eccellenza frutto di un terroir eccezionale. Le prime tracce del Domaine risalgono al 1525, quando Jean de Pontac, un importante membro del parlamento di Bordeaux, lo ricevette in sposa e iniziò a costruire lo Château nel 1549, aumentando al contempo le dimensioni del vigneto.

Servito alle tavole dei re d'Inghilterra, come attesta un archivio del 1660, lo Château è stato il primo a comparire con il suo nome cru, "Ho Bryan", come scrive Samuel Pepys, membro del Parlamento inglese, nel suo diario del 1663.

Nella famosa classificazione del 1855, Château Haut-Brion fu l'unico Domaine della regione delle Graves a comparire come 1° Grand Cru Classé, condividendo questa distinzione con quattro Domaines: Château Lafite Rothschild, Château Margaux, Château Latour e Château Mouton Rothschild dal 1973.

Acquistato nel 1935 dal banchiere americano Clarence Dillon e gestito oggi dal suo discendente, il Principe Robert du Luxembourg, Château Haut-Brion si basa su un vigneto di ghiaia di 51 ettari: 48ha in rosso dedicati alla produzione del grand vin e del Second vin, Clarence de Haut-Brion (44% Cabernet Sauvignon, 42% Merlot, 12% Cabernet franc e 2% Petit Verdot), e 3ha in bianco dedicati alla produzione del grand vin blanc Sec (52% Sémillon e 47% Sauvignon blanc).

Il grand vin rouge di Château Haut-Brion è un vino di straordinaria intensità, complessità e potenza vellutata. Per quanto riguarda il vino bianco che produce, è considerato il più grande vino bianco del Sec de Bordeaux, minerale e untuoso

Note di critica professionale Château Haut-Brion 2006.

Robert Parker
96/100
Wine Spectator
94/100
Jancis Robinson
18/20

Descrizione Château Haut-Brion 2006

L'annata 2006 ha avuto un clima contrastato a Bordeaux, ma ha dato vita a vini rossi di grande potenziale. La primavera e l'estate sono state calde e secche in generale, favorendo così un buon sviluppo delle viti. La piena maturità dei diversi vitigni è stata raggiunta a costo di molti sforzi di adattamento e scelte tecniche da parte dei team di Château Haut-Brion.

Assemblaggio dell'annata 2006: 57% Merlot, 41% Cabernet Sauvignon, 2% Cabernet Franc

Il colore è ancora un rosso molto pronunciato, scuro, con sfumature di tegola.

Al naso è deliziosamente espressivo e fruttato, con aromi di frutti di bosco e ribes seguiti da note di scatola di sigari, tartufo e Zan.

L'attacco è elegante e il vino rivela potenza, complessità e freschezza controllate. Si porta avanti su squisiti sapori fruttati e tostati, avvolti da tannini meravigliosamente fusi. Dura a lungo, fino a sbocciare in un finale interminabile e impetuoso. Un grande vino, sicuramente.

Abbinamento cibo-vino:

Chateau Haut-Brion 2006 si abbina magnificamente alla bistecca di manzo con foie gras e funghi porcini, ai tournedos di vitello alla Rossini, al piccione arrosto con croste e trombette e ai ravioli di fagiano.

Per gustarlo con i formaggi, scegliete formaggi pressati non cotti: Edam, Gouda, Saint-Nectaire o Salers.

Come dessert, sarà particolarmente squisito sul carrément chocolat di Pierre Hermé, su un croccante di praline o su una torta a strati stile Paris-Brest.

Potenziale di invecchiamento e degustazione:

Lo Château Haut-Brion 2006 è un grande nettare che può attendere tra il 2026 e il 2030 per dare il meglio di sé. Tuttavia, può essere gustato oggi, se si ha cura di mettere la bottiglia a temperatura ambiente il giorno prima, e di aprirla e decantarla almeno 5-6 ore prima della degustazione.

Le bottiglie saranno conservate in cantina, al riparo dalla luce, in posizione coricata, a un grado igrometrico ottimale del 70%.

Caricamento ...